FAMIGLIE RISPARMIO E INVESTIMENTI

I TRE ERRORI DA EVITARE

1 -  pensare che la "quantità "delle  puntate possa aumentare la qualità degli investimenti , la finanza gestita permette oggi di avere investimenti diversificati anche con cifre minime , inoltre si può diversificare anche nel tempo investendo in momenti differenti con cifre differenti , e cercando di andare anche contro tendenza , questo è lo spirito del pac ( piano di accumulo capitale)  che non è l'investimento dei poveri  ma di chi vuol diluire i rischi con la diversificazione nel tempo  di entrata nel piano ; ogni progetto di risparmio , con cifre più o meno grandi può prevedere un pac.

2 - sottovalutare l'esigenza della diversificazione , la diversificazione oltre a diminuire i rischi , permette di seguire i mercati nella loro evoluzione sfruttandone tutte le potenzialità , per un portafoglio adeguatamente diversificato e decorrelato anche un crollo di mercato può mettere le premesse per un futuro guadagno , questo è stato ampiamente verificato  da anni di consulenza in mercati che hanno vissuto momenti difficili , ma anche da studi indipendenti che hanno messo in relazione rendimento dei mercati e il timing negli investimenti .

3 - essere impazienti ;  non seguire una logica di medio lungo termine può essere molto pericoloso , bisogna fidarsi dei mercati e pensare agli investimenti come ad un viaggio , a piedi o in bicicletta , il percorso avrà salite e discese , curve , raramente offrirà scorciatoie  . Bisogna quindi accettare le discese e le risalite , il secco e la pioggia , bisogna essere ben attrezzati però : 

in primis  la conoscenza , una buona guida e un  buon itinerario studiato precedentemente sono fondamentali , sapere dove si vuole andare ,  in secondo luogo essere attrezzati con tutto quello che serve per il viaggio che intendiamo fare , questo è il compito del consulente che dovete concepire come una guida , non ci deve essere soli al momento della partenza ,non come un agente di viaggio , ma vi deve seguire per tutto il viaggio , come una guida alpina , discretamente ma con competenza e anche fermezza . 

La pazienza dicevo prima  , se appena partiti si inciampa , bisogna fare mente locale e capire che non è detto che si inciampi continuamente , non bisogna giudicare un percorso dal primo metro . Prima o poi vedrete panorami bellissimi che varranno il viaggio ,  un viaggio che è esperienza a se stante  e arricchisce culturalmente oltre che finanziariamente .

Ma cosa è il RISPARMIO per la famiglia ?

Dal punto di vista economico , il risparmio è quella parte di reddito che si sceglie di non destinare al consumo immediato , con la prospettiva di ottenere un maggior guadagno con un suo utilizzo futuro oppure per questioni di sicurezza finanziaria .

L'obiettivo della sicurezza finanziaria può essere ottenuto anche con le assicurazioni ; con le assicurazioni si investe una piccola cifra per avere una adeguata disponibilità finanziaria per i famosi " non si sa mai"  , facciamo qualche esempio : se voglio garantirmi dalla perdita del lavoro , non esistono strumenti assicurativi efficaci , ma se ci si vuole garantire dalla perdita di un reddito per la famiglia per la morte o la invalidità permanente di uno dei suoi membri , le soluzioni assicurative sono necessarie e adeguate , e poco costose.

Premesso che la polizza "sfighe varie" non è ancora stata inventata , non è materialmente possibile , per la maggior parte delle famiglie ,  accantonare risorse importanti per prevenire ogni evento dannoso  come un incendio della casa , problemi di salute , o relativi alla responsabilità civile dell'auto o della professione .  a questo proposito può non essere necessario bloccare ingenti risorse finanziarie in investimenti poco fruttuosi ,  per eventi non prevedibili , utilizzando delle assicurazioni per gli eventi assicurabili  si libereranno  risorse per investimenti di lungo termine, e quindi più redditizi , per obiettivi importanti come studi dei figli immobili o una vecchiaia serena .

Ma facciamo  un esempio concreto : la famiglia Rossi accantona una cifra importante , ad un certo punto però uno dei membri della famiglia , sviluppa una invalidità grave , che necessita di ingenti risorse finanziarie  per spese mediche , accudimenti trasferimenti eccetera ;  la piccola fortuna che aveva accantonato la famiglia viene assorbita completamente da questo evento ; ma quella cifra aveva altre destinazioni , doveva servire a pagare studi di alto livello per i figli ( i soldi investiti per la formazione di alto livello sono i meglio investiti ). quell'evento drammatico  però poteva essere gestito investendo precedentemente  poche centinaia di euro , per acquistare una copertura assicurativa . 

Quando utilizzare una copertura assicurativa e quando accantonare risorse finanziaria lo dovete stabilire con il vostro consulente finanziario e assicurativo  , ed è preferibile che siano la stessa persona  , per avere un quadro unitario e per evitare inefficienze o sovrapposizioni di garanzie ;  ma c'è un'altra  condizione per elaborare un piano strategico finanziario assicurativo per la famiglia e cioè che ci sia la massima collaborazione tra famiglia e consulente ; se si gioca a rimpiattino , se non si mettono le carte in tavola , la analisi della situazione famigliare sarà falsata e lo saranno conseguentemente anche le soluzioni.

poi è chiaro che il consulente viene pagato conseguentemente alle soluzioni che verranno prese , qualcuno di voi lavora gratis ?basta essere chiari , e rispettosi dei rispettivi ruoli , con un patto informativo oltre che economico : il cliente chiede tutto quello che vuole e il consulente non deve tacere nulla , inoltre bisogna usare bene il tempo ,  andare in profondità nelle analisi dei problemi e delle soluzioni ,   dilazionare le decisioni o rimuovere i problemi che ci sono , non serve a nessuno , del resto la dilazione delle decisioni è il nostro più seguito sport nazionale  e infatti....il quadro economico e politico risente in maniera potente di tante decisioni non prese e di tanti nodi non sciolti , ma affrontati  frettolosamente solo di fronte all'incalzare delle emergenze , salvo poi rincorrere altre emergenze , perché le emergenze non finiscono mai . Le emergenze però possono essere molto depotenziate con una accurata programmazione , e questo vale sia su scala individuale o familiare che su scala di grandi collettività .

Da tutto questo discende conseguente  una call to action ( un invito all'azione ) , non ignorare i problemi , non nascondere la testa nella sabbia , chiedete a un consulente finanziario e assicurativo di aiutarvi a elaborare un progetto di protezione e risparmio per la tua famiglia